LA DIETA DEL DIGIUNO

LA DIETA DEL DIGIUNO - di Umberto Veronesi - Edizioni Mondadori

 

Definisco questo libro un tassello fondamentale per tutti coloro che vogliono stare bene fisicamente e mentalmente attraverso l’alimentazione e gli stili di vita. 
Premetto che per me non esistono diete o mode da seguire per quello che viene considerato uno dei piaceri della vita: il cibo (piacere purtroppo non riconosciuto dal Professor Umberto Veronesi). Libro di semplice lettura con contenuti di altissimo valore grazie agli studi ed alle esperienze vissute sulla propria pelle dal Professor Veronesi che è stato tra i maggiori esperti mondiali nella cura del cancro e nella chirurgia del seno. Il consiglio del digiuno, praticato una volta alla settimana, conferma ciò che ho sempre pensato: meno alimenti immettiamo nel nostro organismo e meglio stiamo. Pratico il digiuno per due/tre giorni, una/due volte all’anno in preparazione all’esame e intervento terapeutico della colonscopia. 
Il Professore si alimentava solo la sera e durante la giornata assumeva esclusivamente liquidi, nulla di solido. Mi sono fatto la mia idea: il Professore, che non ho avuto il privilegio di conoscere e di poter condividere direttamente con lui, doveva essere stato molto focalizzato sulla sua grande passione, il proprio lavoro. Mi permetto di dire questo a seguito dei risultati medico scientifici ottenuti grazie a Lui e alla sua equipe. Ciò vuol dire che ha investito gran parte della propria vita nel lavoro. Quando sei focalizzato sul tuo lavoro, che svolgi con amore e passione, il tempo passa in fretta e la mente non sente il bisogno di alimentarsi. A me è già capitato di essere talmente concentrato su un'attività, che ho digiunato per un giorno senza rendermene conto… e come dice sempre mio papà: "L’importante è bere acqua, di fame non si muore!".
 
È un libro che ti accompagna verso una sana longevità attraverso la riflessione su come ci nutriamo.
 
Termino questa recensione con una frase del Professore: “Per me il digiuno è fonte di chiarezza mentale.”