IL CALCIO È VITA

IL CALCIO È VITA

 

Quello che smuove l’industria calcistica non ha eguali nel mondo, di conseguenza il calcio è una delle componenti della nostra quotidianità in un modo o nell’altro. Ci sono due estremi: chi lo vive per professione e chi non gliene frega nulla ma vede la finale di coppa del mondo della nazionale italiana e festeggia in caso di vittoria. Quindi come puoi vedere, alla fine unisce tutti… o quasi!

Il calcio è passione, amore, valore… in una parola: vita. Proprio così, sono i fatti che dicono tutto questo, sia per il professionista che per colui che segue il calcio con il cuore.

Il calcio prima di tutto è gioco, divertimento… solo in seguito può diventare professione e lavoro. Sono tanti gli aspiranti al calcio professionistico, ma alla fine ne arrivano veramente in pochi nell’olimpo del privilegio. E attenzione, non è tanto arrivare, ma rimanere a certi livelli. Molti si perdono ad un passo dall’olimpo per variegate ragioni: chi perde la voglia (o gli fanno perdere la voglia… la verità spesso sta nel mezzo), chi preferisce focalizzarsi sugli studi, chi preferisce dedicare il tempo agli amici o alla fidanzata… e così via.

Dietro ad un professionista ci sono tanti sacrifici da parte delle famiglie, investimento di tanto tempo ed energie.

Non dimenticherò mai quando dovetti interrompere il mio sogno da bambino: avevo 8 anni e iniziai a giocare nella categoria pulcini. Il campo era distante da casa mia e i miei genitori non potevano accompagnarmi, così mi scrissero nella palestra sotto casa e iniziò il mio percorso nella pallacanestro ma con il calcio nel cuore, il gioco più bello del mondo (con tanto rispetto per tutti gli altri sport che seguo e che danno valore a chi lo pratica). Facendomi cambiare sport, mia madre trovò la soluzione a non portarle la terra a casa. All’epoca la presi male, ma dopo me ne feci una ragione. Sinceramente, oggi, posso dire che approvo la scelta dei miei genitori perché comunque sia, mi hanno permesso di coltivare un’attività sportiva. Sicuramente lo sport ha segnato una parte della mia vita, rendendomi migliore grazie anche alle persone che hanno condiviso il mio percorso sportivo.

 

Se hai piacere puoi commentare l’articolo sia sui social che scrivendomi a: info@stefanolorenti.it